La Città che Cura

La Città Che Cura
Condividi su

La Città che Cura intende favorire nella comunità lo sviluppo di nuove trame di crescita attraverso formazione, visioni, incontri, poesia, teatro.

La cura è il filo rosso che attraversa il lavoro della Cooperativa sociale Itaca a più livelli, persone, gruppi, territorio, includendo in sé il significato di premura, attenzione, delicatezza che in un linguaggio educativo e di relazione di aiuto diventa intenzionalità, attenzione alla persona, ascolto profondo, reciprocità e responsabilità sociale.

Il prendersi cura è un atto creativo, è un gesto che modifica l’esistente generando bellezza. La cura è un atto rivoluzionario che modifica lo scorrere delle cose; è come l’arte, un atto unico e irripetibile, generativo di emozioni nell’individuo e nella comunità intera.

A Conversano 31 maggio 1 e 2 giugno 2019 la prima edizione. Tre giornate per favorire nella comunità lo sviluppo di nuove trame di crescita attraverso formazione, immagini e poesia. Tutte le iniziative sono state gratuite e sostenute da un contributo dell’amministrazione comunale area politiche sociali.

Con “La città che cura” si vuole attraverso, incontri formativi, workshop, visione di film, poesia, narrazioni e passeggiate sottolineare come il prendersi cura di un territorio parta da buone relazioni e da un buon rapporto col territorio, inteso soprattutto come centro di aggregazione sociale. Prendersi cura di sé attraverso atti di bellezza che nutrano il cuore è l’unica possibilità per prendersi cura degli altri e vivere relazioni sane. Franco Arminio direbbe: ”Cambiate vita appena possibile. Ogni giorno si può cambiare vita(…) Cambiate vita appena vi è chiaro che la noia uccide un attimo su due”.

Programma 2019: 31 maggio alle 16. Si parlerà di Hikikomori, i giovani che non escono di casa con il presidente dell’associazione italiana hikikomori, Marco Crepaldi. Alle 20, la posologia due – le ferite che curano, proiezione del film “Alla Salute” di Brunella Filì con Nick Difino. Seguirà dibattito con i protagonisti e con Christian Pristipino, medico cardiologo e presidente Assimss – associazione   italiana di medicina e sanità sistemica.

Sabato mattina 1° giugno alle 9, ancora altre due posologie: le relazioni che curano e lo sguardo che cura, workshop con Rosy Paparella e Antonia Chiara Scardicchio.

Alle 18, sempre del 1° giugno il grande poeta e paesologo Franco Arminio, con la quarta posologia:.le parole che curano, racconti in versi.  In serata alle 21 tutti al ristorante Vita pugliese con Nick Difino, food performer, per una cena narrativa tra passato presente e futuro: la quinta posologia.

Infine la mattina del 2 giugno – festa della Repubblica, s’ inizia alle 5.30 con l’alba di un nuovo giorno: passeggiata commestibile, tra le campagne di Conversano per la sesta e ultima posologia. Dalle 9 alle 13 le tre giornate hanno avuto come loro epilogo alla LABottega con la fiera delle autoproduzioni e un laboratorio artistico per bambini, dalle 10 alle 13.


Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *