Bando Ambiente 2018 Fondazione CON IL SUD

itacacoop_Bando-Ambiente-2018-Fondazione-CON-IL-SUD Legambiente Puglia
Condividi su

Numero Progetto: 2018-AMB-00106

Soggetto Responsabile: Legambiente Comitato Regionale Pugliese Onlus

Tra Laghi e Gravine: tutela integrata della biodiversità

Il progetto favorisce la creazione di condizioni naturali per il mantenimento dello stato naturale dei Laghi, e la prevenzione di atti di inquinamento e incendio sia nei Laghi che presso la Gravina, attraverso strumenti scientifici e sociali di monitoraggio, prevenzione, condivisione.

La divulgazione del patrimonio ecologico della riserva è inteso come somma di geodiversità e di biodiversità. Costruire una base  documentaria sui “beni geologici” al fine di approfondirne la conoscenza e la divulgazione limitando l’accesso e l’interferenza con l’ecosistema della riserva. Importante anche il monitoraggio di questi habitat attraverso la presenza di chirotteri mediante sensibilizzazione grazie alla comprensione del loro importante ruolo ecologico, connesso all’azione di lotta agli insetti dannosi per l’uomo e per l’agricoltura.

Adottando come strategia la disseminazione con la più ampia condivisione dei risultati, a partire dalla comunità allargata quale partecipi attivi delle azioni.

Durata (mesi): 36

LOCALIZZAZIONI DELL’INTERVENTO

Comune Provincia Regione Note
Conversano Bari – (BA) Puglia Riserva Naturale Regionale Orientata
Laghi di Conversano e Gravina Monsignore

Le attività realizzate da ITACA

Le iniziative che si intendono mettere in campo in questa attività vogliono coinvolgere i destinatari intermedi e finali di progetto. Per questo motivo si intende intervenire sviluppando due linee: la prima di animazione territoriale e la seconda di attività educative dirette ai minori delle scuole elementari e medie, come atelier, laboratori ed escursioni.

Le due azioni combinate potranno favorire lo sviluppo di dinamiche di sensibilizzazione ed educazione alla scoperta e al rispetto dell’ambiente e del parco.

Nello specifico con l’attività di animazione si intende realizzare incontri mirati e laboratori tematici con gli operatori sociali pubblici e privati, e del mondo scolastico preposti all’educazione dei minori (ufficio di piano,scuole, parrocchie e associazioni), al fine di formalizzare una rete volta alla condivisione del progetto e all’identificazione degli approcci e delle metodologie idonee per trasferire conoscenze e consapevolezza di recupero, controllo e salvaguardia del parco. In questo modo si intende coinvolgere la comunità educante del territorio per favorire processi di cittadinanza attiva.

Di seguito si illustrano le azioni che si andranno a sviluppare con l’animazione territoriale

  1. Animazione territoriale c/o istituzioni pubbliche e private con rilevazione del livello di conoscenza del parco e del suo stato di conservazione ( 3°, 4°, 5° mese), utile per promuovere in modo diretto il progetto e identificare i bisogni educativi da implementare con la formalizzazione della rete (400 ore)

    Destinatari: 40 organizzazioni

  2. 4 incontri pubblici con la presenza di esperti e responsabili di progetto (4°, 10°, 17° e 24° mese), utili per implementare la rete, illustrare lo stato di avanzamento di progetto, consolidare la presenza dell’intervento durante la sua realizzazione (4 ore per incontro. Tot. 16 ore),.

    Destinatari: 320 adulti

  3. 4 laboratori tematici: – l’educazione ambientale; la cittadinanza attiva; – l’attività ludica come strumento educativo –l’ambiente come “strumento” di inserimento sociale (sostegno alla genitorialità) I laboratori rivolti agli operatori e realizzati con modalità partecipata avranno l’obiettivo di condividere i temi trattati e favorire lo scambio di buone prassi negli interventi educativi con particolare riferimento ad attività e metodologie utili per favorire minori in condizioni di fragilità e/o difficoltà. (4°, 5°, 6° e 7° mese) – (8 ore ciascuno. Totale 32 ore).

    Destinatari: 40 adulti

Di seguito si illustrano le azioni che si andranno a sviluppare con le attività educative dirette ai minori sia in ambito scolastico che nel tempo libero.

  1. 8 Laboratori: attraverso un approccio metodologico ludico – didattico si andranno a sviluppare i temi legati alla conoscenza e alla salvaguardia ambientale (recupero e riciclaggio, smaltimento, inquinamento), alla scoperta del territorio e delle sue caratteristiche geomorfologiche e naturalistiche, (doline, gravine, specie vegetali e animali) (8°, 9°, 10°, 11°, 12°,13° mese)- (3 ore al giorno per 4 incontri = 12 ore a laboratorio. Tot. 96 ore)

    Destinatari: 140 minori

  2. 8 atelier: i ragazzi guidati da esperti naturalisti avranno l’opportunità di simulare in campo come rilevare le specie faunistiche e floristiche presenti nel parco, osservare i fenomeni migratori, realizzare misurazioni e campionamenti geologici e fisici; costruire itinerari tematici ambientali nel parco con segnaletica dedicata e postazioni per l’osservazione, impiegare strumenti di ripresa audio video per documentare le attività (14°, 15°, 16°, 17°, 18°, 19° mese) (3 ore al giorno per 4 incontri = 12 ore a laboratorio. Tot. 96 ore)

    Destinatari: 120 minori

  3. 10 escursioni per la famiglia: i minori che avranno partecipato agli atelier diventeranno protagonisti e guide naturalistiche del parco. Gli stessi potranno invitare genitori e amici per condividere quanto vissuto e progettato durante gli atelier. Le escursioni potranno essere realizzate con mezzi mobili differenti (bici, piedi, carrozze con cavalli) in funzione delle distanze, dell’accessibilità e della fruibilità dei luoghi (dal 20° al 29° mese) (4 ore ad escursione. Tot. ore 40)

    Destinatari: 300 tra minori e adulti

Output d’attività

Realizzare una analisi sulla conoscenza del parco e del suo stato di conservazione. Formalizzare una rete tra istituzioni pubbliche e private presenti nel territorio dedicata al parco. Realizzazione di un processo di cittadinanza attiva per lo sviluppo di un modello atto alla crescita socio-educativa di una comunità, replicabile e sostenibile con future progettualità.

Referenti di progetto per ITACA

Pasqua Demarco, Girolamo Lopriore tel. 080.4958985


Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *