Martedì, Settembre 18, 2018
Martedì, 18 Settembre 2018 13:00

Time-out dai luoghi fisici ai luoghi dell'anima

Time out
dai luoghi fisici ai luoghi dell'anima
5 ottobre 2018
Polo Liceale - Monopoli
ore 9 - 18
Giornata di studio rivolta a genitori, insegnanti e operatori sociali

Programma
Ore 09,00 Caffè di benvenuto e accoglienza partecipanti
ore 09,45 Saluti istituzionali
Plenaria
ore 10,00 Prof.ssa Antonella Semeraro, docente di scienze umane - Polo liceale
ore 10,15 “Noi non nascondiamo l’assurdo che è nel mondo” (D. Dolci)
Introduzione e analisi di contesto del disagio psico-sociale degli adolescenti di Monopoli, a cura di M. Palmitessa, assistente sociale, cooperativa sociale Itaca
ore 11,00 Presentazione progetto Time – out: video racconto, realizzato dai ragazzi del Polo Liceale nel contesto del progetto time – out alternanza scuola lavoro a cura della cooperativa sociale Itaca. Presenta il percorso Rosanna Santoro, coordinatrice del progetto Time-out.
ore 12,00 Introduzione dei gruppi di lavoro a cura di C. Moreno, R. Paparella e A. C. Scardicchio
ore 13,00 Pausa pranzo libera
ore 14,30 Ripresa lavori
ore 15,00 Gruppi di lavoro
ore 18,00 Chiusura lavori

I gruppi:
• Gruppo di lavoro I: “Per crescere un bambino ci vuole un villaggio intero”
L'educativa di strada, a cura di Cesare Moreno, insegnante e pedagogista, presidente dell’associazione “Maestri di strada onlus”, che opera per contrastare la dispersione scolastica; rivolta ad operatori sociali, educatori, assistenti sociali e a quanti interessati ad approfondire la tematica.
• Gruppo di lavoro II: “Essere Genitori Oggi”
Educazione e genitorialità, a cura di Rosangela Paparella, formatrice in ambito sociale, già garante dell’infanzia e dell’adolescenza, Regione Puglia, rivolto a genitori, operatori sociali e quanti interessati ad approfondire la tematica.
• Gruppo di lavoro III: “Logica & Fantastica: sui nessi tra apprendimento, creatività e resilienza”
Competenze di speranza a scuola a cura di Antonia Chiara Scardicchio, docente di progettazione e valutazione dei processi formativi e didattica dell'organizzazione dei servizi educativi e riabilitativi presso l’Università degli Studi di Foggia, rivolto ad insegnanti e a quanti interessati ad approfondire la tematica.




Gruppo di lavoro I
Per crescere un bambino ci vuole un villaggio intero

Incontro di formazione a cura di Cesare Moreno, il maestro con i sandali, messi in segno di protesta anni fa, perché Chance aveva ricevuto i vestiti, (i fondi della Legge 285), ma le istituzioni erano carenti nelle attività ordinarie e di base: le scarpe.
Si parlerà di quanto sia importante promuovere la cittadinanza dei giovani e la partecipazione della comunità all’impresa educativa. È infatti fondamentale sostenere i giovani rispetto ai sogni, alle aspettative e alle insicurezze connesse alla loro età e alle fasi di transizione, con figure di riferimento accoglienti e rassicuranti, creando relazioni forti e protettive rispetto ai rischi e alle difficoltà che occorre affrontare per diventare adulti.
La comunità educante viene chiamata direttamente in causa da Cesare Moreno che incentrerà l’incontro sul detto africano “Per crescere un bambino ci vuole un villaggio intero”, già nelle migliori esperienze educative, al cui centro c’è il legame tra il maestro e l’ambiente di vita dei ragazzi: era così il Maestro di Pietralata, era così il Maestro Manzi anche se faceva lezione in televisione. L’educazione avviene per mandato di una comunità. Ma dove è oggi la comunità? Si è in gran parte persa.
I Maestri di Strada sono coloro che “educano il territorio” i ragazzi sono il pretesto per arrivare quegli adulti che hanno perso la capacità di fare il loro mestiere, che è quello di far crescere le nuove generazioni.
IL FORMATORE
Cesare Moreno, insegnante e presidente dell’associazione MAESTRI DI STRADA ONLUS e tra i coordinatori del progetto “Chance”, che opera per contrastare la dispersione scolastica.
I DESTINATARI
Docenti di ogni ordine e grado, educatori, assistenti sociali e operatori del terzo settore.
Gruppo di lavoro II
Essere Genitori Oggi
Laboratorio incentrato sul meccanismo delle attese sociali rispetto ai ruoli genitoriali.
Le famiglie di oggi vivono un momento di grande instabilità e insicurezza identitaria; per questo si realizzeranno momenti di riflessione sui ruoli materno e paterno, su ciò che si porta con sé dei modelli appresi e su ciò che invece è in trasformazione. La complessità e la rapidità dei cambiamenti sociali rappresenta una sfida difficile per chi si occupa di processi educativi, anche per il rischio di semplificare l’immagine di un individuo, categorizzandolo per età, appartenenze sociali, di genere, etniche.
Riconoscere radici e dinamiche con cui ci precostituiamo una rappresentazione mentale dell’altro può affinare le capacità di empatia e di lettura dei bisogni soggettivi Migliorare la conoscenza delle proprie risorse personali è necessario per poter costruire in modo più consapevole una rete di legami solidi all’interno della famiglia, il senso del “Noi” che crea appartenenza e dà sicurezza. Ma anche un “Noi” che si apre a esperienze di solidarietà e di genitorialità sociale anche attraverso l’affido familiare.
LA FORMATRICE
Rosangela Paparella, docente e formatrice in ambito sociale, già garante dell’infanzia e dell’adolescenza, Regione Puglia. rivolto a genitori, operatori sociali e quanti interessati ad approfondire la tematica.
I DESTINATARI
Genitori, operatori sociali, docenti di ogni ordine e grado e quanti interessati ad approfondire la tematica.
Gruppo di lavoro III
Logica & Fantastica
Per decine di anni la formazione in Italia ha scartato la creatività considerandola contorno e non sostanza, allegro e leggero spazio per la “pausa” e non per il percorso di apprendimento. La ciliegina sulla torta ma non la torta.
Eppure le neuroscienze sottoscrivono che l’immaginazione senza la ragione non vede la realtà, e la ragione senza l’immaginazione non sposta alcun dato esistente. È dunque di entrambe che abbiamo bisogno per insegnare a… imparare. Di fatto, la sola conoscenza delle “cose buone e giuste” non basta a metterle in pratica, ad incarnarle. Occorre una via per la traduzione. E la traduzione, dalla testa alla vita, passa per i sensi e la corporeità e dunque passa attraverso tutti i linguaggi che ci appartengono in quanto creature simboliche. Le neuroscienze su questo hanno dati di ricerca ormai inconfutabili.
Ma a scuola, in aula, tutto questo come si traduce? Attraverso la didattica. Perché cos’è la didattica se non la scienza che ha a cuore la traduzione dei contenuti disciplinari nella vita, dei saperi nelle life skills?
A sua modo la didattica è una forma di incarnazione: della scuola che non-coincide-con-la-sola-istruzione ma si prende cura dei bisogni individuali e sociali degli uomini e delle donne in formazione.
Intrecciare così immaginario e apprendimenti complessi, estetica e professionalità docente implica, allora, cogliere il nesso profondo che lega la Logica alla Fantastica e la Creatività alla Resilienza scolastica.
LA FORMATRICE
A. Chiara Scardicchio, ricercatrice universitaria in Pedagogia Sperimentale, docente corso di Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche, Università di Foggia.
I DESTINATARI
Docenti di ogni ordine e grado e quanti interessati ad approfondire la tematica.


Per info e iscrizioni
Cooperativa sociale Itaca, Via Torino 30 - Conversano
080 - 4958985 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sarà possibile effettuare l'iscrizione ai laboratori entro e non oltre il giorno 02 OTTOBRE 2018.

Sarà rilasciato attestato di partecipazione agli insegnanti e a tutti coloro che ne faranno richiesta.
Evento patrocinato dal CROAS PUGLIA. È previsto il rilascio di 6 crediti formativi per gli assistenti sociali per chi avrà assistito al corso per almeno l'80% delle ore previste.



Pubblicato in News 2018
Anche quest'anno la Cooperativa Itaca collaborerà con il festival 
culturale LectorinFabula, proponendo incontri con scrittrici,
scrittori, giornaliste ed altre testimonianze che narrano di
sopraffazioni e fragilità, ma anche di voglia di futuro e di coraggio. 
Vi aspettiamo a Conversano dal 13 Settembre. 

"Per comprendere oggi cosa è diventata la nostra 
società è necessario partire dal rapporto tra potere e
immaginazione e dalle conseguenze di una serie di
rivoluzioni che hanno scosso il mondo occidentale
a cominciare dal Sessantotto. Indimenticabile
lo slogan di quegli anni che racchiudeva in due
parole una tensione liberatoria mai più ritrovata:
l’immaginazione al potere”.
 
#LinF18

In allegato programma LectorinFabula XIV edizione.
Pubblicato in News 2018
Lunedì, 28 Maggio 2018 17:45

Ho scelto le parole

La Città Possibile - Comune di Sammichele di Bariin collaborazione con la Cooperativa Sociale ITACA, ospita la presentazione del libro "Ho scelto le parole" di Alessandra Erriquez, giornalista, mamma e blogger.
Venerdì 8 giugno dalle ore 18:00 alle ore 20:00 presso  la Chiesa di “San Francesco di Paola”

Il libro è una raccolta di storie di genitori che al cospetto del dolore di un figlio hanno saputo affrontare, trasformare, farne rivoluzione. Sono storie molto diverse tra loro ma con un elemento in comune: la capacità di trovare la bellezza nel dolore e di riscrivere la vita. Non una bellezza collaterale o una vita avulsa dalla realtà. Ma una nuova bellezza che nei luoghi della nuova coesistenza trova fragilità e potenza, ombra e luce, rabbia e grazia.
Narrazioni dell’umano, col suo limite e il suo infinito. E le sue infinite possibilità di risposte al dolore con la Vita.

***Durante la serata ci sarà l'esposizione delle opere realizzate durante il laboratorio intergenerazionale di arte a cura del Centro Aperto Polivalente per minori e famiglie, nell'ambito del Progetto "La città possibile"***
Pubblicato in News 2018
Pagina 1 di 3